La popolazione luganese s’impegna contro il littering


La primavera sta arrivando: i fiori sbocciano, gli uccelli cinguettano e l'immondizia finisce per terra. Per porre fine al problema del littering a Lugano fin dall'inizio della stagione, oggi, in piazza Dante Alighieri, gli ambasciatori del Gruppo d’interesse per un ambiente pulito (IGSU) hanno invitato la popolazione locale e i turisti a partecipare a una campagna con dei manifesti contro i rifiuti selvaggi. Apponendo firme, slogan e disegni, tutti hanno espresso il loro impegno in favore di una città pulita e garantito il sostegno a un corretto smaltimento dei propri rifiuti.

Con l’arrivo della bella stagione, in molte località aumenta la quantità di littering. Per questa ragione, anche quest’anno, i team degli ambasciatori IGSU percorreranno la Svizzera: oggi, in piazza Dante Alighieri, hanno incitato i luganesi a opporsi al littering e a esprimere la propria opinione su manifesti bianchi. Negli scorsi anni, questa campagna è già stata realizzata con successo in città come Basilea, Ginevra e Zurigo. I passanti mettono una firma, scrivono poesie e fanno disegni per documentare il motivo per cui si battono contro il littering. La direttrice di IGSU, Nora Steimer, è soddisfatta della campagna odierna: «Oggi gli abitanti di Lugano hanno mostrato il loro lato creativo e hanno trasformato i manifesti in vere e proprie opere d'arte, inviando così un chiaro segnale contro il littering.» La campagna con i manifesti è sostenuta da JTI (Japan Tobacco International). «Delle iniziative come questa sensibilizzano la popolazione sul fatto che ognuno è responsabile dei propri rifiuti e che tutti devono assumersi la propria responsabilità affinché la Svizzera sia pulita», afferma Andrea Hausmann, responsabile RSI (responsabilità sociale d'impresa) di JTI Svizzera. I team degli ambasciatori IGSU saranno a Lugano fino al 27 aprile per sensibilizzare i passanti sulla problematica del littering: senza manifesti, ma, come al solito, con molto garbo e umore.

Il littering dà fastidio e costa caro 
Il littering non dà solo fastidio, ha un anche effetto negativo sulla qualità di vita e sul senso di sicurezza negli spazi pubblici, peggiora l'immagine di una città o di un comune e in Svizzera genera costi che ammontano a circa 200 milioni di franchi all’anno. Da 13 anni i team degli ambasciatori IGSU percorrono la Svizzera e forniscono informazioni sul littering e sul riciclaggio in oltre 50 città e comuni per sensibilizzare la popolazione su questo malcostume che causa molti problemi. Inoltre, i team degli ambasciatori IGSU organizzano workshop e attività durante le pause nelle scuole per sensibilizzare le allieve e gli allievi al problema del littering.

Il marchio No-Littering celebra il suo secondo anniversario 
In qualità di centro svizzero di competenza contro il littering, IGSU non si limita solo agli interventi degli ambasciatori. Con il sostegno dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), dell'Associazione Svizzera Infrastrutture comunali ASIC e dalla Fondazione Pusch, IGSU organizza la giornata nazionale Clean-up, che quest’anno avrà luogo il 13 e il 14 settembre 2019. Un’altra misura, che celebra il suo secondo anniversario in maggio, ha già dimostrato la sua validità: da maggio 2017, il marchio No-Littering premia le città, i comuni e le scuole che s’impegnano contro il littering, sostiene l’impegno delle istituzioni, le motiva ad ampliare le loro misure e a rendere pubbliche le loro premure presso la popolazione. Al momento sono circa 90 le città, i comuni e le scuole che possono fregiarsi del marchio No-Littering.

 

Gruppo d'interesse per un ambiente pulito (IGSU) 
IGSU è il centro svizzero di competenza contro il littering. Dal 2007 si adopera a livello nazionale con misure di sensibilizzazione e di prevenzione in favore di una Svizzera pulita.
Una delle misure più note di IGSU è la giornata nazionale Clean-up, che quest’anno avrà luogo il 13 e 14 settembre. Fra gli enti responsabili dell'IGSU vi sono la cooperativa IGORA per il riciclaggio dell’alluminio, PET-Recycling Schweiz, VetroSwiss, 20 minuti, Swiss Cigarette, McDonald’s Svizzera, Migros, Coop, Valora e International Chewing Gum Association. I membri s’impegnano inoltre anche nello svolgimento di attività proprie contro il littering e, ad esempio, mettono a disposizione dei cestini per i rifiuti oppure organizzano delle tournée per la raccolta di questi ultimi.

 

Contatto per i media 

  • Jorrit Bachmann, responsabile del progetto ambasciatori IGSU, telefono 078 733 07 78

 

Communcato stampa come PDF

Photo 1 come JPG-File

Photo 2 come JPG-File

Photo 3 come JPG-File