Basta littering: i volontari della giornata Clean-up vogliono chiudere questo capitolo


La pandemia ha sconvolto le nostre vite. Telelavoro anziché spirito di squadra, mascherina invece di rossetto e mucchi di rifiuti al posto di una spiaggia con le palme. Il littering, che era diventato un problema meno grave negli ultimi anni, è di nuovo peggiorato in molti luoghi dall'inizio della pandemia. È tempo di aprire un nuovo capitolo. Anche decine di migliaia di volontarie e volontari la pensano in questo modo e, oggi e domani, nell'ambito della giornata nazionale Clean-up di IGSU, liberano la Svizzera dai rifiuti. Anche la presentatrice Christa Rigozzi, madrina della giornata Clean-up di quest’anno, ha deciso di dare una mano.

Liberano la natura da diverse tonnellate di rifiuti: i bambini e gli anziani, gli allievi e gli insegnanti, i membri di varie associazioni e gli impiegati comunali, i dipendenti e i dirigenti ne hanno abbastanza dei rifiuti abbandonati e, in occasione della giornata nazionale Clean-up di oggi e domani, lanciano un segnale contro il littering e in favore di un ambiente pulito «Negli ultimi mesi la natura ha sofferto abbastanza. È tempo d’invertire la marcia», dice Nora Steimer, direttrice IGSU. Anche quest’anno, dei politici e VIP svizzeri si uniscono alle volontarie e ai volontari. Ad esempio, la presentatrice e animatrice Christa Rigozzi, madrina della giornata Clean-up 2021, sostiene il Club Pescatori a Mosca Ticino. Con l'aiuto della popolazione locale, questo club di pescatori raccoglie i rifiuti sulle rive degli specchi d'acqua nelle vicinanze di Faido. Christa Rigozzi si rallegra della sua partecipazione a questa campagna e pensa che sia importante prendersi più cura dell'ambiente: «L’immondizia abbandonata con noncuranza non mina solo la bellezza di un determinato luogo, bensì anche le fondamenta della vita.»

Dalla scuola al ghiacciaio
È la terza partecipazione della scuola Hegifeld di Winterthur ZH alla giornata Clean-up. Le allieve e gli allievi hanno raccolto circa 300 kg di rifiuti e hanno partecipato a dei workshop sull’ambiente. La scuola Bümpliz Höhe di Berna ha separato i rifiuti raccolti in base a materiale e colore per poi creare un'opera d'arte. In Ticino, i comuni di Morbio Inferiore e Vacallo hanno mobilitato le allieve e gli allievi dei giardini d’infanzia e delle scuole per andare a caccia di littering. Domani, a Samedan GR, una studentessa della Scuola di Turismo dell'Engadina (HFT) organizzerà un'escursione sui ghiacciai del Pers e del Morteratsch. Dopo aver ascoltato le presentazioni sull'impatto del cambiamento climatico sui ghiacciai presso la stazione a monte della Diavolezza, i partecipanti partiranno per un'escursione sul ghiacciaio accompagnati da guide alpine con l'obiettivo di raccogliere quanti più rifiuti possibile.»

Dall'ufficio alla strada
Anche quest'anno, le scuole elementari di Rheinfelden AG possono contare sul sostegno dell’officina comunale e della Feldschlösschen Getränke AG. Proprio come a Rheinfelden, numerose aziende in tutta la Svizzera partecipano a operazioni di pulizia oppure organizzano le loro proprie campagne. Oltre a imprese esperte come Coca-Cola, UBS, McDonald‘s Svizzera e il WWF, quest’anno partecipano anche malLalonde (specializzata nella pulizia di barche), Jabil Switzerland Manufacturing GmbH e Bayer Svizzera SA, che ripulisce le strade di Zurigo e Basilea.

Movimento contro il littering
IGSU organizza la giornata nazionale Clean-up dal 2013 e ogni anno mobilita diverse migliaia di partecipanti. Questa iniziativa è parte integrante del «World Cleanup Day», che quest’anno si svolge il 18 settembre con la partecipazione attiva di più di 180 Paesi in tutto il mondo. La salute dei partecipanti è molto importante: per questo motivo, IGSU ha fornito delle raccomandazioni di protezione riguardanti il Covid-19 ai vari organizzatori prima dell’evento. Si stima che nel settembre 2021 25‘000 persone abbiano partecipato a più di 450 operazioni di pulizia. L'iniziativa è sostenuta dall'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), dall'Associazione Svizzera Infrastrutture comunali ASIC e dalla Fondazione Pusch.

 

Gruppo d'interesse per un ambiente pulito (IGSU)
IGSU è il centro svizzero di competenza contro il littering. Dal 2007 si adopera a livello nazionale con misure di sensibilizzazione e di prevenzione in favore di una Svizzera pulita. Una delle misure più note di IGSU è la giornata nazionale Clean-up. Fra gli enti responsabili di IGSU vi sono la cooperativa IGORA per il riciclaggio dell’alluminio, PET-Recycling Schweiz, VetroSwiss, 20 minuti, Swiss Cigarette, McDonald’s Svizzera, Migros, Coop, Valora e International Chewing Gum Association. I membri s’impegnano inoltre anche nello svolgimento di attività proprie contro il littering e, ad esempio, mettono a disposizione dei cestini per i rifiuti oppure organizzano delle tournée per la raccolta di questi ultimi. 



Contatto per i media:

  • Servizio stampa IGSU, 043 500 19 91, medien@igsu.ch
  • D: Nora Steimer, direttrice IGSU, 076 406 13 86
  • F: Cédric Québatte, team IGSU giornata Clean-up, 078 710 45 77
  • I: Regula Schnyder, team IGSU giornata Clean-up, 076 323 57 22

 

Communcato stampa come PDF

Photo 1 come JPG

Photo 2 come JPG

Photo 3 come JPG

Photo 4 come JPG

Photo 5 come JPG